Salmone affumicato nella dieta chetogenica?

Il salmone affumicato e' perfetto per la dieta chetogenica: non contiene carboidrati, ha molti grassi e tante proteine (ben 23.2 grammi per 100 g di parte edibile). Il salmone e' ricco di acidi grassi omega 3, essenziali in una sana alimentazione. Tuttavia, durante l'affumicatura viene messo sotto sale, per cui fai attenzione perche' ne contiene molto (4.1 grammi per 100 gr. di prodotto).

Ha pochi carboidrati netti
Possiede una buona quantita' di proteine
Ha un notevole contenuto di colesterolo
Apporto di sale elevato
salmone-affumicato

Oppure rivedi il menù

Continua ad aggiungere alimenti oppure rivedi il menù

Ti manca? cerca Salmone affumicato su Amazon

Il salmone affumicato è un prodotto tipico dei nativi americani, ma veniva consumato anche da greci e romani in occasione di importanti banchetti. La tecnica dell’affumicatura era utilizzata, insieme a quella della salagione, per conservare gli alimenti più a lungo, non era quindi collegata al conferimento di particolari sapori alle pietanze.

La storia del salmone affumicato

Sono molte le storie che aleggiano intorno alla nascita del salmone affumicato. Per casualità, venne scoperto che l’essiccazione al fuoco, era in grado di donare una vita più lunga agli alimenti. Così si iniziò ad impiegare questa tecnica in tutto il mondo. In Cina, in particolare, vi era la credenza che questo processo arricchisse il cibo anche dal punto di vista energetico, donandogli la possibilità di scaldare durante le stagioni fredde, chi lo consumasse. La vera origine del salmone affumicato è però a Londra, benchè in molti credano che sia scozzese o nordica. Nel 1905 Harry Forman aprì il primo affumicatoio in città e da quel momento la produzione non si arrestò.

La tradizione di un prodotto ittico unico

La tecnica prevede che i salmoni freschi vengano immediatamente puliti e sfilettati manualmente. Dopo essere stati appesi nell’affumicatoio per un tempo stabilito in base alle dimensioni del pescato e all’intensità dell’affumicatura che si vuole percepire nel gusto, vanno consumati il prima possibile. Questo per non perdere le caratteristiche che lo contraddistinguono. Si tende a preferire la metodologia che prevede che il salmone venga appeso per coda a quella che invece vuole il contatto diretto con la griglia, per un assorbimento più lento ed un drenaggio dei grassi più accurato. Oggi, il salmone affumicato, fa parte della tradizione gastronomica del Canada, degli Stati Uniti, del Regno Unito e dei paesi nordici. Immancabile sulle tavole delle feste, è anche comune trovarlo durante la colazione, accompagnato da burro e pane di segale.

Salmone affumicato: valori nutrizionali

(per 100 g di parte edibile)

Nome Valore
Carboidrati netti (gr) 0.0
Calorie (Kcal) 167
Carboidrati totali (gr) 6.1
di cui Zuccheri (gr) 0.0
Fibre (gr) 0.0
Grassi totali (gr) 8.2
- Grassi saturi (gr) 1.8
- Grassi monoinsaturi (gr) 2.7
- Grassi polinsaturi (gr) 2.7
Proteine totali (gr) 23.2
Sale (gr) 4.1
Colesterolo (mg) 50
fonti: USDA, USAV

Nella stessa categoria

Categorie

Crea il tuo menù

Letture consigliate

Sconti e offerte

Esperti in chetogenica

Seguici su Facebook!